Istituzioni subordinate

Indietro
imagine de fundal

Servizio pubblico comunitario del distretto per le evidenze delle persone Vrancea

Il Servizio Pubblico Comunitario di Evidenza delle Persone  di Vrancea funge da ente pubblico di interesse del distretto, con personalità giuridica, sotto l’autorità della pubblica amministrazione provinciale, allo scopo di esercitare i poteri conferitigli dalla legge, per l’attuazione delle disposizioni degli atti normativi che regolano l’attività di registrazione delle persone, stato civile. L’attività della direzione è svolta nell’interesse delle persone fisiche  e della comunità, a sostegno delle istituzioni statali, esclusivamente sulla base e nell’applicazione della legge.

Il Servizio Pubblico Comunitario di Evidenza delle Persone  di Vrancea risolve i problemi dei cittadini con professionalità e competenza, sia sul rilascio dei documenti di identità, sia sullo stato civile, con il rigoroso rispetto delle disposizioni legali in materia.

Il Servizio Pubblico Comunitario di Evidenza delle Persone  del distretto di VRANCEA si trova a Focsani, in via Cuza Voda, numero 56

BREVE STORICO

La necessità di registrare la popolazione esiste fin dai tempi antichi. Senza un record di popolazione, non può esistere uno stato. All’inizio questa necessità era dettata dalla necessità di avere informazioni sulla popolazione in grado di pagare tasse e doveri e di espiare il servizio militare. Con lo sviluppo della società – la necessità di conoscere cresce – e nello stesso tempo cresce la necessità di evidenza anagrafica – della sua struttura basata su vari criteri di classificazione. Quanto più è socialmente ed economicamente avanzato il paese, tanto maggiori sono i requisiti per la pienezza e la diversità delle informazioni sulla popolazione.

L’anagrafe della popolazione ha una ricca storia. Il conteggio delle persone, della popolazione, è iniziato molto tempo fa. In Cina, tale conteggio è avvenuto oltre 4000 anni fa. Nell’antica Roma, le registrazioni della popolazione iniziarono a svolgersi dal sesto secolo aC. Le registrazioni della popolazione si svolgevano anche nell’antico Egitto o nell’antica Grecia, ma a quel tempo le prove erano primitive e comprendevano solo una parte della popolazione, e alcune classi sociali venivano tenute sotto controllo. Coerentemente con il consolidamento degli Stati nazionali e con l’inizio dello sviluppo delle relazioni di mercato, è necessario ottenere un’informazione ampia e diversificata sulla popolazione il più possibile, partendo dalle informazioni di stato civile (nascite, matrimoni, decessi) alle informazioni statistiche (fornite attraverso i censimenti).

Tra i primi stati ad aver stabilito regolari censimenti della popolazione c’erano gli Stati Uniti (dal 1790), il Regno Unito e la Francia (dal 1801) e altri stati europei. In realtà, non erano ancora censiti – nella concezione moderna. Questi censimenti registravano solo il numero totale di maschi e femmine e il conteggio della popolazione sempre era in ritardo. Gli scopi di queste registrazioni erano le misure fiscali e l’apprezzamento del numero di uomini maturi e delle famiglie.

Il primo censimento, in cui furono utilizzati i principi scientifici delle registrazioni di popolazione, fu condotto in Belgio nel 1846 sotto la guida del noto statistico A. Ketle. Da allora, il numero della popolazione è cresciuto rapidamente, compresi i censimenti. Verso la metà del diciannovesimo secolo apparvero le idee sulle basi scientifiche dei censimenti della popolazione, furono fatti sforzi per elaborare le uniche regole internazionali riguardanti le loro prestazioni. Ciò ha contribuito alla creazione di organismi statistici speciali in molti paesi, allo sviluppo della scienza nelle statistiche e all’organizzazione di congressi internazionali di statistici. Allo stesso tempo, vengono elaborati i principi di base per l’organizzazione dei censimenti della popolazione. In molti paesi i censimenti si verificano una volta ogni 5 o 10 anni. Dal 1870 al 1879, 48 censimenti della popolazione hanno avuto luogo nel mondo negli anni ’80 – già 54, negli anni ’90 – ’70, e nel primo decennio del XX secolo – 74 censimenti. La periodicità del censimento è stata interrotta solo dalla prima e seconda guerra mondiale.

Ultimamente, la metodologia e il metodo di organizzazione e conduzione dei censimenti sono migliorati. L’uso delle attrezzature informative –  tecnologiche dà la garanzia di una maggiore raccolta, l’immissione dei dati e l’elaborazione e la diffusione dei totali del censimento.

Per quanto riguarda il nostro paese, non abbiamo informazioni chiare sulla storia dell’anagrafe, forse a causa dell’ “importanza” data a questo aspetto della vita sociale. Solo nel 1949 ( DPR n 25 del 23 gennaio 1949 sulla costituzione della Milizia) appare chiaramente stabilito il termine  “Registro della Popolazione ” del corpo dello Stato di nuova costituzione, ma non basata su principi moderni (esisteva in quel momento –servizio anagrafico nei comandi di milizia e anche presso le unità amministrative: i consigli Popolari del villaggio, paese, città, servizio di stato civile).

Per estensione (relativa alla storia europea), possiamo concludere che nel Medioevo, nei paesi romeni, la popolazione era registrata dalla chiesa – che registrava nascite, matrimoni e decessi nei registri (ma dubitiamo dell’accuratezza delle registrazioni) l’importanza delle prove consisteva principalmente nel numero di potenziali pagatori di imposte, tasse e dazi. Secondario, ogni boiardo puntava sulla forza maschile quando si trattava “del grande esercito del paese”.

Nel periodo moderno, l’attribuzione dei registri delle persone è presa dai governi locali. Nel 1930, fu effettuato sul territorio della Romania (che comprendeva territori che ora appartengono ad altri stati) un censimento di popolazione e abitazioni, un censimento basato su principi scientifici (probabilmente copiando i sistemi francese e belga).

Dopo l’istituzione del regime comunista, nella struttura organizzativa della milizia è stato incluso il registro della popolazione e il Servizio di Statistica aveva lo scopo di elaborare una serie di dati sulla popolazione, l’emissione di un certo numero di documenti e rapporti statistici e avviare censimenti – per popolazione e le abitazioni (parte mantenuta a questo proposito anche oggi). Nella subordine dell’ amministrazione rimane solo lo stato civile.

Il 27 dicembre del 1989, con un decreto del C.F.S.N. viene fondata la Polizia – assumendo i compiti e le funzioni delle vecchie milizie. Il sistema è stato permanente e continuo “riformato” , la corsa sulla adesione all’Unione europea e l’equilibrio fra il sistema giuridico romeno con quello degli Stati membri dell’UE, hanno portato nel 2001 (decreto governativo n. 84/2001) all’istituzione, l’organizzazione e il funzionamento dei servizi pubblici comunitari di evidenza delle persone (attenzione: corpo smilitarizzato) e in “brevissimo tempo”, nel 2004, delle norme metodologiche per l’applicazione dell’atto normativo di cui sopra.

Indirizzo: Focşani, str. Cuza Voda, nr. 56, judetul Vrancea

Si apre su Google Maps

Director: Ciobotaru Catalin

Contatto:

Tel: 0237/230041, 0237230088 – fax
E-mail: spcjep_vrancea@yahoo.com
Web site: www.evpvn.ro

[gtranslate]